PATOLOGIE RESPIRATORIE

 

Asma Bronchiale ASMA BRONCHIALE

L’asma bronchiale è una patologia caratterizzata essenzialmente da uno spasmo dei bronchi, che induce difficoltà di respiro (dispnea). Esistono 2 forme di asma bronchiale: una allergica, in cui l’allergene può agire in modo perenne o sporadico e una non allergica, determinata da fattori di varia natura.

Sintomi:
tosse secca o catarrosa, senso di costrizione al torace e difficoltà respiratoria. Tipico è il sibilo durante la fase di espirazione.
Un attacco d’asma può essere causato dall’azione particolarmente violenta di un allergene, da emozioni o da improvvise variazioni della temperatura.

Diagnosi:
Di solito è dovuta ad allergia, ma può anche essere causata da fattori emotivi, fisici e chimici. Gli allergeni più comuni sono quelli stagionali primaverili, i pollini, e quelli contenuti nelle polveri di casa: gli acari. 

Terapia:
Essenziale è l’identificazione dell’allergene che determina l’asma: in questo caso si può allontanare l’individuo dall’agente causale, oppure intervenire con una terapia di desensibilizzazione. Quando ciò non è possibile si ricorre all’uso, secondo i casi, di antistaminici, agenti B-adrenergici, teofillinici, corticosteroidi, disodiocromoglicato, agenti anticolinergici che svolgono azione broncodilatatrice o inibente l’azione allergizzante.

BPCO BPCO (Broncopneuomopatia cronica ostruttiva)

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia infiammatoria cronica e graduale nel senso che si manifesta lentamente e subdolamente e conduce negli anni all’ ostruzione delle vie aeree, cioè di quei canali (bronchi e bronchioli) che consentono la respirazione, collegando il parenchima del polmone alle prime vie aeree; pertanto è un processo reversibile, cioè una volta che si crea un danno, è complicato restituire ad integrum il paziente!
Ciò accade nei soggetti che vanno incontro ad infiammazioni periodiche dei bronchi, vedi il classico fumatore di sigarette.

Sintomi:
I principali sintomi della BPCO sono la fame d’aria o affanno,  detta “dispnea” che si aggrava, e si accentua con gli sforzi, la tosse produttiva e l’espettorazione cronica. I sintomi sono in pratica gli stessi dell’asma, dalla quale si differenzia proprio per la irreversibilità della limitazione del flusso aereo.

Diagnosi:
La diagnosi di BPCO dovrebbe essere presa in considerazione in tutti i soggetti che presentano i sintomi caratteristici della malattia ed una storia di esposizione a fattori di rischio, in particolare al fumo di sigaretta

Terapia:
Il trattamento della BPCO stabilizzata dovrebbe essere governato dai seguenti principi generali:
1) Il Trattamento farmacologico
 può prevenire e controllare i sintomi, ridurre la frequenza e la gravita delle riacutizzazioni, migliorare lo stato di salute e la tolleranza allo sforzo.
2) Broncodilatatori:
 Questi farmaci hanno un ruolo centrale nel trattamento sintomatico della BPCO.

OSAS OSAS (Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno) 

La sindrome delle apnee ostruttive nel sonno – nota anche come OSAS, acronimo inglese per Obstructive Sleep Apnea Syndrome – è caratterizzata da ripetuti episodi di completa e/o parziale e/o prolungata ostruzione delle vie aeree superiori durante il sonno, normalmente associati ad una riduzione della saturazione di ossigeno nel sangue.

Sintomi:
La sindrome delle apnee ostruttive durante il sonno si manifesta in tutte le età ed è sicuramente più comune nel sesso maschile. Le persone più a rischio sono coloro che presentano forte russamento notturno, che sono sovrappeso, che hanno la pressione del sangue alta e che presentano anormalità fisiche a livello del naso o della gola. Inoltre la sindrome delle apnee durante il sonno sembra ricorrere con maggiore frequenza negli stessi gruppi familiari, suggerendo una possibile causa su base ereditaria. 

Diagnosi:
La sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS) è largamente sottodiagnosticata, in quanto molte persone hanno difficoltà a percepirla o comunque a quantificarla, spesso perché la confondono con la stanchezza.
Il russamento e la sonnolenza eccessiva durante il giorno sono i sintomi riferiti più frequentemente.
Altri sintomi tipici della Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno (OSAS) sono: colpi di sonno durante la guida o nelle normali attività, cefalea e secchezza delle fauci al risveglio, alterazioni dell’umore, ridotta capacità di concentrazione, dismnesie, incontinenza urinaria, iperattività diurna, ritardi di crescita (nei bambini). 

Terapia:
Misure Comportametali, Ventilazione meccanica a pressione positiva, Trattamento chirurgico, Trattamento Farmacologico.

Insufficienza Respiratoria INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

L’ insufficienza respiratoria si mostra quando nel sangue arterioso lo scambio gassoso non si dimostra sufficiente

Sintomi:
I sintomi e i segni clinici dell’insufficienza respiratoria sono aspecifici e possono essere minimi anche quando l’ipossiemia, l’ipercapnia e l’acidosi sono gravi. I principali segni fisici di fatica ventilatoria sono l’uso vigoroso dei muscoli ventilatori accessori, la tachipnea, la tachicardia, la diminuzione del volume respiratorio, un respiro irregolare o boccheggiante e il movimento paradosso dell’addome.

Diagnosi:
La misurazione dei gas del sangue arterioso (PaO2, PaCO2 e pH) è il principale strumento per la diagnosi e la valutazione della gravità dell’insufficienza respiratoria

Terapia:
Il trattamento farmacologico è mirato alla cura della malattia di base (bronchite, enfisema, ecc.).
I farmaci utilizzati sono: antinfiammatori, per ridurre lo stato d’infiammazione, broncodilatatori, per aumentare il calibro dei bronchi, fluidificanti, per rendere più liquide le secrezioni bronchiali.

Sarcoidosi SARCOIDOSI

Sarcoidosi è una malattia cronica, ad eziologia ignota che si localizza in tutte le sedi dove è presente il sistema istiocitario; è caratterizzata dalla formazione negli organi colpiti di granulomi non caseosi (è per questo che viene anche definita granulomatosi sistemica) e determina sovvertimento della normale architettura.